Differenze Tra Scuola Italiana e Scuola Americana: meglio l’internazionale?

RTEmagicC_3b4f50dfc3.jpg

Qualunque teenager italiano rimpiangerà di non essere nato in America. Il problema principale sono i modelli telefilmici di colleges americani che hanno invaso la nostra immaginazione e che rendono ai nostri occhi tristi e tetre le monotone scuole italiane. Ma è tutto oro quello che luccica? Primo punto: gli armadietti. E’ tanto difficile posizionare qualche fila di armadietti nei licei italiani? Voglio dire, non credo serva una laurea… Ci si lamenta tanto delle patologia scheletriche a danno dei ragazzi, a causa di zaini troppo pesanti, ma non si fa neanche un granché per ovviare al problema. Riporre tutti i libri nell’armadietto sarebbe una soluzione facile ed indolore… Secondo punto: i balli scolastici. Non è una questione prettamente educativa, però la scuola non dovrebbe essere unicamente “dovere”, no? Voglio dire, noi ragazzi ci passiamo la maggior parte del nostro tempo e vorremmo anche poter condividere momenti importanti a livello personale tra le mura scolastiche. I balli di fine anno dove si balla fino a tardi, si conosce gente nuova e si onorano i successi scolastici sono solo sogni nelle scuole italiane… In ultimo e non per importanza vi sono le immense possibilità di attività extra dei college Usa. Se si è bravi negli sport si hanno ampie possibilità a livello di crediti universitari e così se si è bravi nella cucina o nelle discipline artistiche. Diciamo che il talento viene nettamente premiato nei college americani, mentre, in Italia, l’unica soluzione è sgobbare sui libri.

Perché la scuola italiana non può riservarsi un maggiore ambito di creatività? Lo studio è importante per la formazione, ma lo è anche l’aggregazione ed il vivere la scuola con serenità ed in armonia con la propria età. Servirebbero anche degli incentivi allo studente per spingerlo a studiare con devozione. Un ballo di fine anno, anche se con qualche cassa usata e musica di seconda mano, sarebbe un piccolo passo avanti che farebbe comprendere allo studente di essere valutato anche come persona e non solo in quanto nome sul registro…

RTEmagicC_3b4f50dfc3.jpg